Skip to main content

La moda mini-me, capi da adulti in versione baby, o maxi-you, capi da bimbo in versione adulto, ha grande successo da diversi anni. Su Instagram e in generale sul web la moda mini-me impazza. Sono state le celebrities con bambini, soprattutto americane, a lanciarla. Parliamo di star come Beyoncé e Kim Kardashian; vestite spesso come le proprie figlie, hanno ispirato fan di tutto il mondo a fare altrettanto. La moda mini-me nasce in primis tutta al femminile, allargandosi poi in un secondo tempo a tutta la famiglia. Matchy-matchy è quando gli outfit parlano con un codice colore o fantasie ben precise; stile Twinning, quando un capo imita totalmente un altro.

Non è solo una questione di griffe, la moda mini-me tocca tutto l’abbigliamento, dal casual all’homewear, all’intimo e agli accessori.

Quando si diventa genitori, una delle più grandi soddisfazioni è vestire i propri figli, cercando talvolta di abbinare i loro outfit a quelli di genitori e fratelli. Coordinare i look non è una cosa così impossibile, dal momento che l’offerta sul mercato è piuttosto variegata. E se il vostro bambino ha già gusti ben precisi, sarà ancora più bello coinvolgerlo nella scelta, soprattutto perché comporterà anche un coinvolgimento emotivo. La moda mini-me e unione familiare sono strettamente collegati tra loro e possono essere un buon modo per avvicinarsi all’altro, ma bisogna stare attenti a non esagerare.

Sarà fondamentale infatti consentire al bambino di mantenere la propria individualità, creatività e gusti. Vestirsi uguali fa riconoscere l’altro come simile a sé quindi può essere importante per il bambino vedere i suoi genitori che si avvicinano a lui, giocando e scherzando con un tipo di abbigliamento che ritroverà poi nel suo armadio.

Ma proprio questo deve essere, un gioco, magari circoscritto ad un’occasione speciale, tipo quando si organizza un servizio fotografico di famiglia per immortalare un momento importante.

Se vediamo però che i piccoli provano imbarazzo, hanno gusti completamente diversi o fanno i capricci quando devono vestirsi, meglio fare un passo indietro e tornare ognuno al proprio armadio.

Leave a Reply